Diagnostica Cardiovascolare - Prevenzione e Nutrizione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Test da Sforzo (ecostress)

Diagnostica Cardiovascolare



ECOSTRESS
CON ESERCIZIO FISICO



Presso lo Studio medico del Dr. Saggese è ora possibile eseguire l’Ecocardiogramma da stress con esercizio fisico che va ad ampliare l’offerta diagnostica non invasiva delle malattie cardiovascolari.
L'ecocardiografia da stress fisico è un esame ecocardiografico eseguito durante esercizio fisico svolto dal paziente mediante un apposito letto-ergometro, cioè una bicicletta in cui il paziente esegue uno sforzo fisico in posizione orientabile. La tecnica si è progressivamente diffusa nei migliori centri cardiologici al mondo negli ultimi 15 anni, in quanto di grande sicurezza e con costi competitivi con altre tecniche per la diagnosi di ischemia miocardia inducibile.


A cosa serve?
Quando le arterie coronarie (le arterie del cuore) sono stenotiche (ristrette) a causa dell'aterosclerosi (la malattia che porta alla formazione di "placche" nella parete dell'arteria), il flusso di sangue al cuore è spesso sufficiente a una buona funzione (contrazione) in condizioni di riposo, ma diviene insufficiente durante uno sforzo. In queste condizioni le zone di cuore servite dal vaso malato si contraggono meno o addirittura si fermano. Ecco quindi che l'ecocardiogramma condotto durante lo sforzo consente di evidenziare alterazioni della contrattilità dei segmenti cardiaci vascolarizzati da coronarie malate. Queste anomalie delle contrazione possono accompagnarsi a segni elettrocardiografici o a sensazione di dolore toracico, ma non raramente sono il primo e unico segno di sofferenza cardiaca.


 

A chi si rivolge
A pazienti con sospetta malattia coronarica nei casi in cui un tradizionale elettrocardiogramma da sforzo non sia interpretabile (ad esempio per anomalie della conduzione elettrica cardiaca) o risulti dubbio (spesso, ad es. in donne giovani con dolori atipici);

  • Studio valvulopatie in cui esistano dubbi riguardo alla gravità del vizio valvolare per valutare il comportamento della valvola e del muscolo cardiaco durante lo sforzo

  • Controllo efficacia della terapia in atto

  • A pazienti con ipertensione polmonare da sforzo e con miocardiopatia ipertrofica ostruttiva con gradiente dinamico.


Come viene eseguito?

Come per l'ecocardiogramma tradizionale, il paziente si sdraia a torso nudo su uno speciale lettino leggermente inclinato e si posiziona sul fianco sinistro. Prima dello sforzo vengono acquisite le immagini del cuore, per avere una valutazione basale alla quale fare riferimento. Il paziente inizia quindi a pedalare contro una resistenza progressivamente crescente, mentre il medico visualizza le varie strutture cardiache. Le immagini acquisite durante sforzo vengono paragonate a quelle basali.
Durante lo stress in cui sono sempre presenti il medico e l’infermiera, vengono monitorati continuamente l'elettrocardiogramma e la pressione.
L’esame verrà continuato sino al raggiungimento della frequenza cardiaca massima prevista o fino alla comparsa di alcuni sintomi quali affaticamento, affanno, dolore al petto o alle gambe, o sino a quando il Medico non ritenga opportuno interromperlo sulla base dei dati forniti dall’elettrocardiogramma e/o dall’ecocardiogramma o dalla pressione arteriosa controllati in tempo reale.



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu